Il lungo addio di Francesco Totti

Quanta tristezza nel vederlo trattato come un pezzo da museo. Quanta malinconia nel pensarlo come un flipper al tempo della playstation. Quanta umana comprensione nell’immaginare oggi Totti sospeso tra l’eroe omerico che ama la vita e ne depreca la brevità, e il re Mida cui il saggio Sileno rivela che meglio per lui sarebbe stato non essere nato.