Confessioni

Sì, finalmente un po’ di pace. Ossigeno nella nostra vita. Ne abbiamo bisogno e non sappiamo più dove trovarlo. Tiriamo il fiato, respiriamo a fondo, prima di essere risucchiati nuovamente nel vortice di rabbia, frustrazione, competizione, disonestà, individualismo, intolleranza che si è impossessato delle nostre esistenze.









The Hateful Eight, e Fellini sta a guardare

Ha preso uno studio cinematografico leggendario, il Teatro 5 di Cinecittà a Roma tanto caro a Federico Fellini, ha mostrato a tutto il pubblico la scenografia di baite e alberi innevati, offerto la musica del più grande compositore di colonne sonore e una storia intensa, impressa su una pellicola 70 mm: solo Quentin Tarantino poteva essere così generoso.