A spasso con l’unicorno

Love the Unicorn, giovani musicisti romani al loro primo album: A Real Thing. In un’atmosfera inequivocabilmente rarefatta, riverberi, echi, sfumature, una deriva psichedelica: viene fornito tutto il kit dell’aspirante shoegazer, da intendersi come versione moderna del flâneur baudleriano.




ZETA il primo film sul RAP italiano

Il primo film sul mondo del Rap italiano, raccontato con una mini intervista al regista Cosimo Alemà sulla storia di Alex/Zeta (Diego Germini), Gaia (Irene Vetere) e Marco (Jacopo Olmi Antinori), tre amici poco meno che ventenni con il sogno della musica per sfuggire dalla periferia e dal destino che la società ha in serbo per loro.








Il tempo della coscienza

Ma «play-rewind» non mi ha insegnato soltanto ad abbandonare (quando è il caso) la logica ma anche una nuova dimensione del tempo. Non più quello lineare dell’orologio ma quello della coscienza, studiato dal filosofo francese Henri Bergson.


NO(W) REGRETS. Play with the past

Giocare con la tradizione si può. Le opere del Gruppo ULTRA reinterpretano i simboli e i miti delle culture passate senza rimpianto, ponendo l’attenzione sulla situazione attuale dell’arte e sulla società in cui essa si manifesta. È consentito scherzare con il passato, ma fate attenzione: è un gioco pericoloso.



PLAY! È primavera svegliatevi bambine

È Primavera come cantava Villa, la parola Play, parola chiave di questo nuovo numero di RomaItaliaLab, è perfetta per descrivere questa sensazione di nuovi inizi che un po’ ovunque si respira. Tutto deve essere nuovo. Ad iniziare dalle scarpe da indossare per le vostre passeggiate, le vostre corsette e perché no? Le vostre conquiste.