Bato, MARABU Vs MARABU

Il bestiario di BATO

In mostra fino al 12 maggio presso RvB Arts le opere pittoriche e scultoree di BATO: tigri, gorilla, coccodrilli, elefanti e tutti gli altri animali che ha incontrato nei suoi viaggi reali o onirici

L’interesse dell’uomo verso il mondo animale non ha conosciuto sosta nei secoli. Pensiamo alle pitture rupestri con le note scene di caccia nel Paleolitico oppure ai bestiari medievali, quella particolare categoria di libri che raccoglievano breve descrizioni delle «bestie» – reali o immaginarie – accompagnate da spiegazioni moralizzanti e riferimenti tratti dalla Bibbia.

E come dimenticare i levrieri di Paolo Uccello, l’ermellino di Leonardo Da Vinci, le api simbolo della famiglia Barberini, il bestiario della follia di Bosch o i più recenti cavalli dechirichiani e lo zoo scultoreo di Rembrandt Bugatti.

In questo filone di interesse con caratteristiche personali si inserisce la ricerca di BATO: tigri, gorilla, coccodrilli, elefanti e tutti gli altri animali che ha incontrato nei suoi viaggi reali o onirici.

 

Bato, elefante, disegno

BATO, Elefante bianco

La giungla di BATO a RvB Arts 

Giovedì 22 marzo la RvB Arts ha presentato la giungla ideata da BATO, artista romano attivo nel campo della pittura, scultura e disegno. Jungle è il titolo della personale, che resterà aperta fino al 12 maggio.

BATO nasce nel 1977 a Roma, dove attualmente vive e lavora. Ama sperimentare mezzi espressivi diversi ed è sempre alla ricerca di nuovi stimoli, sia partecipando alla realtà culturale della sua città che viaggiando tra l’Europa, l’Asia e il Sud America.

Gli abitanti della giungla di BATO provengono da un immaginario surreale che trova le sue radici nella letteratura d’avventura (Rudyard Kipling e Emilio Salgari) e da studi scientifici sul tema.

Le opere pittoriche

Gli animali vengono sintetizzati in pittura con forme e colori, segni rapidi che tracciano il loro passaggio sulla superficie bianca. Se il tratto è incisivo e veloce, riposanti e distensive sono invece le tenui sfumature di colore.

Fonte d’ispirazione sono sicuramente i viaggi compiuti dallo stesso artista, soprattutto quelli in Oriente; immagini impresse nella sua memoria che riemergono per originare composizioni quasi oniriche, contraddistinte da un approccio infantile e primitivo della rappresentazione, come nel Coccodrillo e nell'Elefante bianco.

Le sculture

Se nella produzione pittorica prevalgono segni netti e concisi, nelle sculture BATO si concentra sulla struttura dei volumi. I corpi degli animali, ad esempio nel Gorilla, vengono semplificati nei loro tratti distintivi e riconoscibili attraverso la modellazione del ferro e del bronzo fino a diventare una sorta di automi o giocattoli meccanici.

  Bato, gorilla, scultura

BATO, Gorilla, fusione in terra con bronzo

Le sculture sono esposte per la prima volta al pubblico e meritano una particolare attenzione per le riflessioni sul rapporto natura-artificio che celano dietro i loro volumi meccanici.

  

ARTICOLI CORRELATI

Silvia Codignola, quadri come immagini mentali

Roma in 100 cm quadri

Trouvé-Grosse: irregolarità condivise

...Inermi... così si chiama la sofferenza di Andrea Liberni

A che gioco giochiamo?

Negli spazi siderali di Lorenzetti: «La libera esplorazione della fantasia è il motore della mia ricerca»

Presenze Assenze tra passato e presente. Le visioni dell’anima di Angelica Romeo

Oreste Casalini tra ricerca spaziale e materia

La nuova pelle della White Noise Gallery

I moderni antichi romani di Maupal

Francesco Campese: linee di fuga tra passato e futuro

avatar

Storico dell’arte, archivista e curatore. 

Per contattarla direttamente, scrivile 

a: simonapandolfi@romaitalialab.it

Cresciuta in una tranquilla città di mare, ho sempre mirato lo sguardo verso orizzonti indefiniti. Poi è arrivata la frenetica e caotica Roma e qui adoro perdermi tra i vicoli e le storie di quartiere. Non riesco a stare ferma, ho bisogno di fare più cose contemporaneamente, sempre credendoci! Sognatrice e idealista, amo mixare le mie passioni: arte, fotografia, poesia, cinema e teatro... altrimenti mi annoio. 

Come un cannibale di notte divoro libri e serie tv, oppure scrivo tutto quello che mi passa per la testa e che non farò mai leggere a nessuno. Raccolgo oggetti trovati per strada, sono sempre alla ricerca di nuovi amuleti.   

Roma Italia lab srl

Autorizzazione Tribunale di Roma n.60 del 23 marzo 2017

Sede legale: Via Festo Avieno 59, 00136

Sede operativa: Viale Castro Pretorio 25, 00185

Tel. 06 85352463

P.I. e C.F. 11448611001

Direttore Responsabile: Caterina Grignani

Redazione: Simona Pandolfi & Allegra Mondello

newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione