11 - La Porta Alchemica © Franco Losvizzero

Il Bianconiglio di Losvizzero: la Porta Alchemica è a Roma

In mostra fino all'11 febbraio, presso la galleria PIOMONTI arte contemporanea, le opere dell'artista in cui convivono mito, esoterismo, alchimia, simboli e numerologia. Grazie alle nuove tecnologie, il coniglio bianco ci traghetterà in realtà aumentata attraverso la Porta Magica di Piazza Vittorio e gli antichi misteri della Capitale

Giovedì 11 gennaio, presso la galleria PIOMONTI arte contemporanea, verrà inaugurata la personale di Franco Losvizzero: 11 - La Porta Alchemica. Dopo le mostre negli Stati Uniti, le biennali di Venezia, le performance a Berlino, i video e i film, l'artista ha deciso di concentrarsi sul tema dell’alchimia e sulla misteriosa Porta Alchemica che a Roma, come narrano le leggende, è capace di far apparire e scomparire le persone che la attraversano.

La Porta dei Cieli a Piazza Vittorio

Detta anche Porta Magica o Porta Ermetica o Porta dei Cieli, è situata negli attuali giardini di Piazza Vittorio, dove è stata collocata nel 1888 su un vecchio muro perimetrale della chiesa Sant’Eusebio, con l’aggiunta di due statue del dio Bes provenienti dal Palazzo del Quirinale. La Porta Alchemica, edificata tra il 1655 e il 1680 da Massimiliano Savelli Palombara per la propria residenza, sita nell’allora campagna orientale di Roma sul colle Esquilino, è l’unica sopravvissuta delle cinque porte di villa Palombara, insieme alle sue iscrizioni e simboli incisi che attendono ancora oggi di essere rivelati.

Come afferma Franco Losvizzero: «La porta è un passaggio da un luogo all’altro, da una dimensione all’altra. […] La “Memoria del Corpo” è il luogo dove rimangono sintetizzati riti e simboli, odori e immagini dalla notte dei tempi. Qualcuno lo chiama inconscio, qualcuno anima, è lì che cerco, è lì che trovo».

Franco Losvizzero tra arte e cinema

L’artista romano vive e lavora tra Roma, Venezia e New York, firmando con il suo vero nome, Andrea Bezziccheri, soltanto i suoi lavori cinematografici. Una formazione a 360 gradi quella di Losvizzero, che ha studiato pittura all’Accademia di Belle Arti di Roma, regia alla Thames Valley University di Londra e fotografia allo IED.

Il suo percorso artistico si caratterizza per l’utilizzo di differenti mezzi espressivi e materiali e per il rimanere sempre fedele alla sua ricerca, in cui recupera suggestioni infantili, emblemi arcaici e inquietudini primordiali.

Sin dagli esordi nel 2005, viene notato per l’ideazione di congegni meccanici in cui fonde l’iconicità pop all’immaginazione dei surrealisti. Sculture meccaniche, installazioni, video, fotografie, ma anche disegni e opere pittoriche vengono realizzate nel corso degli anni dall’artista. La trasfigurazione è un tema che lo affascina, insieme al sapere ermetico e alle antiche filosofie. I simboli ancestrali e le maschere abbondano nelle sue opere, in una sospensione onirica che non ha paura di addentrarsi negli abissi dell’inconscio e dell’oltre.

Un’immagine ricorrente, presentata dall’artista già in numerose performance, musei, teatri e biennali, è quella di una donna nuda dipinta di bianco con una maschera da coniglio, caratterizzata da un fisico androgino che unisce in sé l’elemento maschile e quello femminile, emblema di purezza e bellezza per l’autore. Questa sorta di Bianconiglio, psicopompo che ci traghetta in altre dimensioni, nelle profondità del nostro Io e alla scoperta delle radici del Tutto, come scrive Lorenzo Canova nel catalogo di mostra «è giunto finalmente alla soglia della Porta Alchemica, al confine tra il mondo della materia e quello dello spirito, in bilico tra la nerezza del piombo e lo splendore dell’oro».

La mostra alla galleria PIOMONTI arte contemporanea

L’esposizione accompagnerà il visitatore in questo “paese delle meraviglie”, nell’inconscio profondo dell’artista dove albergano sogni, visioni e misteri irrisolti. «Una mitologia personale che combina mondi, influenze, culture e visioni differenti in un unico universo parallelo che sconfina nel nostro quotidiano», sottolinea giustamente Canova.

Mito, esoterismo, alchimia, simboli, numerologia convivono nelle ideazioni di Losvizzero: 11 sono le opere in mostra e 11 è il numero della “trasformazione”.

Tra le opere la grande novità sarà The Magic Rabbit, il coniglio bianco di Losvizzero che grazie ad “Oniride”, società specializzata nelle nuove tecnologie, si manifesterà in realtà aumentata, permettendo allo spettatore di utilizzare un’altra dimensione per indagare le profondità dell’inconscio e vivere un'esperienza multisensoriale. Ed ecco che magicamente il Bianconiglio di Losvizzero potrà apparire ovunque si voglia, ma non sarà solo opera dell’autore, bensì di chiunque vorrà partecipare alla visione alchemica dell’artista, attraversando quella porta alla ricerca di nuovi segreti da apprendere e svelare.

Un percorso iniziatico tra le porte sacre di Roma, una discesa nell’inconscio inseguendo il nostro Bianconiglio, guidati dagli alchimisti di oggi e dalle nuove dottrine ermetiche del “sapere” digitale.

 

Informazioni

Franco Losvizzero | “11 - La Porta Alchemica”

11 gennaio – 11 febbraio 2018

Inaugurazione 11 gennaio ore 18

Testo in catalogo: Lorenzo Canova

PIOMONTI arte contemporanea Piazza Mattei 18, Roma

Lun. 15:00-20:00 / Mart.-Sab. 12:00-20:00

avatar

Storico dell’arte, archivista e curatore. 

Per contattarla direttamente, scrivile 

a: simonapandolfi@romaitalialab.it

Cresciuta in una tranquilla città di mare, ho sempre mirato lo sguardo verso orizzonti indefiniti. Poi è arrivata la frenetica e caotica Roma e qui adoro perdermi tra i vicoli e le storie di quartiere. Non riesco a stare ferma, ho bisogno di fare più cose contemporaneamente, sempre credendoci! Sognatrice e idealista, amo mixare le mie passioni: arte, fotografia, poesia, cinema e teatro... altrimenti mi annoio. 

Come un cannibale di notte divoro libri e serie tv, oppure scrivo tutto quello che mi passa per la testa e che non farò mai leggere a nessuno. Raccolgo oggetti trovati per strada, sono sempre alla ricerca di nuovi amuleti.   

Roma Italia lab srl

Autorizzazione Tribunale di Roma n.60 del 23 marzo 2017

Sede legale: Via Festo Avieno 59, 00136

Sede operativa: Viale Castro Pretorio 25, 00185

Tel. 06 85352463

P.I. e C.F. 11448611001

Direttore Responsabile: Caterina Grignani

Redazione: Simona Pandolfi & Allegra Mondello

newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione