@arte

website Website

facebook Link

calendar 17 10 17 - 14 01 18

clock 18 : 30 - 21 : 00

Museo Carlo Bilotti, Aranciera di Villa Borghese

place Viale Fiorello La Guardia, Roma

GRATUITO

Maurizio Pierfranceschi. L’uomo e l’albero

@arte

COMUNICATO STAMPA

La mostra Maurizio Pierfranceschi. L’uomo e l’albero, a cura di Fabio Cafagna, inaugura a Roma, al Museo Carlo Bilotti, martedì 17 ottobre 2017. È promossa da Roma Capitale, Assessorato alla Crescita culturale di Roma - Sovrintendenza Capitolina ai Beni Culturali; i servizi museali sono a cura di Zètema Progetto Cultura.

L’esposizione, sin dal titolo, si colloca in sintonia con la cornice dell’Aranciera di Villa Borghese e intende presentare una selezione di circa 50 opere dell’artista che ripercorre tutta la sua attività e che indaga il rapporto tra l’uomo e la natura, tra l’architettura e il paesaggio. 

Il titolo L'uomo e l'albero ricalca quello di un piccolo olio su tela – il primo della produzione dell’artista – esposto nel 1985 alla Galleria Ferro di Cavallo di Roma. Sin da allora la «fedeltà alle proprie radici», come la definì Lorenza Trucchi, è stata al centro della ricerca di Pierfranceschi, trasformandosi di ciclo in ciclo, di anno in anno.

Pittura e scultura si sono evolute e raffinate senza mai perdere quel «linguaggio ruvido, potente, assolutamente terrestre» che Pierfranceschi riferiva ad Alberto Burri, «un uomo terragno, ancorato alla terra» e che col tempo è divenuto fatalmente anche il suo.

Uomo e natura, nelle carte, nei legni e nelle tele dell’artista si confondono, trapassano l’uno nell’altra, si rispecchiano, fino a divenire un impasto di colore e materia che, seppur formalmente controllato, ha il dono della spontaneità e della vitalità.

Il percorso espositivo si apre sul Ninfeo, con un trittico di grandi teleri in dialogo con l’insolita architettura che connota il luogo, generando corrispondenze inaspettate. Il piccolo quadro L’uomo e l’albero sarà messo a confronto con un nuovo grande pannello in legno che ne riprende il tema trent’anni dopo e un autoritratto in terracotta bianca.

Nelle altre due sale del piano terra saranno esposti un ciclo di lavori su tela nei quali sono predominanti le riflessioni sulla pittura e sul paesaggio della terra di origine, le Marche; un selezionato nucleo di lavori su cartone e una serie di sculture che l’artista ha realizzato negli anni, con materiali di recupero: queste opere hanno il carattere di microcosmi nei quali si incontrano elementi eterogenei che, pur nella differenza, sanno mantenere uno stupefacente equilibrio.

In occasione della mostra sarà pubblicato un catalogo, Edizioni Solfanelli (Chieti), con testi di Fabio Cafagna, Alberta Campitelli, Carlo Alberto Bucci, Enrico Castelli Gattinara e Ruggero Savinio.

Roma Italia lab srl

Autorizzazione Tribunale di Roma n.60 del 23 marzo 2017

Sede legale: Via Festo Avieno 59, 00136

Sede operativa: Viale Castro Pretorio 25, 00185

Tel. 06 85352463

P.I. e C.F. 11448611001

Direttore Responsabile: Caterina Grignani

Redazione: Simona Pandolfi & Allegra Mondello

newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione