Una battuta (di spirito) ci seppellirà

La prima parola che associo a "spirito" non è fantasma, lenzuolo o aldilà ma "motto". Esatto, motto di spirito, su cui Sigmund Freud ha scritto un saggio interessante agli inizi del Novecento.

Un lavoro rilevante anche perché, a quanto pare, il padre della psicanalisi aveva una vera fissazione per la morte che, tuttavia, gli ha permesso di fare un viaggio tra battute, barzellette e doppi sensi. Per Freud il motto di spirito è un superamento delle inibizioni. Un meccanismo mentale che permette di liberare una tensione psichica alleggerendo il dispendio di energie mentali.

È come se la battuta ci permettesse di evadere dalla gabbia dei nostri imperativi categorici. Inevitabile la sua connessione con l'inconscio e il sogno.

Scrive Freud nel saggio sul motto di spirito: «Il ricorso nel sogno al controsenso e all’assurdità gli è costato il riconoscimento della sua dignità di prodotto psichico e ha indotto gli studiosi a supporre una disgregazione delle attività mentali, una sospensione della critica, della morale e della logica come condizioni per la formazione dei sogni [...]. È quanto mai improbabile che una coincidenza così ampia come quella che c’è fra i mezzi del lavoro arguto e quelli del lavoro onirico sia dovuta al caso».

Su un altro versante, aveva ragione Victor Hugo a sostenere che «la libertà comincia dall'ironia». Niente fantasmi, lenzuoli o sedute spiritiche, dunque, eppure a pensarci bene anche questi concetti producono ironia, evocando, ma allo stesso liberandoci, dalla paura. 

avatar

Mi chiamo Alberto Di Majo. Amo le piante, il Mont Blanc, la comunicazione politica, la pubblicità. Ho studiato filosofia a Roma e a Goettingen, faccio il giornalista a Il Tempo.

Roma Italia lab srl

Autorizzazione Tribunale di Roma n.60 del 23 marzo 2017

Sede legale: Via Festo Avieno 59, 00136

Sede operativa: Viale Castro Pretorio 25, 00185

Tel. 06 85352463

P.I. e C.F. 11448611001

Direttore Responsabile: Caterina Grignani

Redazione: Simona Pandolfi & Allegra Mondello

newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione