">

Le anime notturne di Kent Haruf

Forse la fragilità delle anime notturne non è fatta per sopravvivere alla grettezza del giorno, ed il mondo trama sempre per separare e distruggere ciò che non riesce a comprendere.


«E poi ci fu il giorno in cui Addie Moore fece una telefonata a Louis Waters» e da una stravagante proposta nacque una storia d’amore che neanche la distanza o la meschinità del mondo riuscì a spezzare.

«Non sto parlando di sesso. Sto parlando di attraversare la notte insieme. E di starsene al caldo nel letto, come buoni amici. Starsene a letto insieme, e tu ti fermi a dormire. Le notti sono la cosa peggiore, non trovi?».

Addie ha settant’anni, è vedova, ha raggiunto quella fase della vita in cui non si bada più a cosa pensano gli altri e si sente sola. Vorrebbe qualcuno con cui parlare, soprattutto la notte, e trova in Louis l’uomo per bene con cui condividere il suo letto. 

E così Le nostre anime di notte si svelano e si raccontano, abbandonano le reticenze della giovinezza per ascoltarsi con la saggezza dell’età adulta, piena di comprensione e di generosità. Il passato riprende forma tra domande, ricordi e silenzi, qualche volta dolorosi. Ben presto quel letto un tempo freddo si sovraffolla, prima Jamie, il nipote di sei anni, lasciato alla nonna per l’estate, e poi Conny, un border collie preso al canile.

Per un momento si resta sospesi in questo universo ovattato, dove si può scherzare dei propri difetti e ridere delle proprie debolezze, dove l’altro è sempre disposto ad accoglierti senza rimproveri, e si ha l’impressione di sentirsi al sicuro.

Ma nulla dura in eterno, nessun amore può nascondersi agli occhi indiscreti di una piccola comunità, cominciano i bisbigli, le maldicenze, gli sguardi imbarazzanti. Forse la fragilità delle anime notturne non è fatta per sopravvivere alla grettezza del giorno, ed il mondo trama sempre per separare e distruggere ciò che non riesce a comprendere.

«Continuavano a passare le notti abbracciati, ma era più che altro abitudine e malinconia e presagio di solitudine e scoramento, come se cercassero di fare scorta di quei momenti insieme in previsione di ciò che sarebbe successo».

Eppure non è detto che la diffidenza e la paura delle famiglie riesca ad allontanarli, forse esiste una parte di noi più inaccessibile, nascosta tra le pieghe della notte, dove le anime possono continuare ad incontrarsi.


Le nostre anime di notte
Kent Haruf
NN Editore
pp 162

 

Roma Italia lab srl

Autorizzazione Tribunale di Roma n.60 del 23 marzo 2017

Sede legale: Via Festo Avieno 59, 00136

Sede operativa: Viale Castro Pretorio 25, 00185

Tel. 06 85352463

P.I. e C.F. 11448611001

Direttore Responsabile: Caterina Grignani

Redazione: Simona Pandolfi & Allegra Mondello

newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione