Anonima di Fabio Bisceglie

«Anonima» una canzone per il Mandrione

Dal 3 gennaio 2018 è disponibile su Spotify e iTunes il nuovo singolo di Fabio Bisceglie. Una canzone, una storia, sogni da realizzare sull’asfalto di una Roma senza tempo. E «la bellezza di scegliere di non scegliere» tra la musica, la recitazione, la scrittura e la pittura per questo giovane creativo che si aggira fra le vie di Roma Est

«Anonima è una storia, una canzone, un cortometraggio, è qualsiasi cosa, una ragazza che tutti vorrebbero, una rosa che tutti raccoglierebbero, un posto particolare, una bella città (Roma) con i suoi pregi e difetti. Inno di bellezza e libertà. Ma nulla è perfetto. Anonima è un mix di pigrizia e voglia di raggiungere l’impossibile. La realizzazione dei propri sogni e la voglia di amare. Tutto si trasforma negli occhi di ama».

Con queste parole Fabio Bisceglie ha presentato, classificandosi al secondo posto nella categoria “Video” del contest di Roma Est Digital Fest, il suo progetto audiovisivo, Anonima, dal 3 gennaio disponibile anche su Spotify e iTunes. È il suo secondo singolo, una poesia dello sguardo sulla città che lo ha adottato.

Fabio Bisceglie viene da Molfetta, ma Roma è la città della sua «rinascita personale», come dichiara. Alle spalle anni di formazione al Conservatorio, poi abbandonato per motivi personali, e piccole esperienze teatrali e cinematografiche. Da sempre la musica e la recitazione sono le sue passioni e in questo brano, ambientato su Via del Mandrione, si intersecano magistralmente nell’ideazione di una storia che è una non-storia, un racconto che forse parla di lui e di quella ragazza «anonima» con le «labbra rosso cinema», o forse allude a tutta una generazione a cui appartiene. Una generazione «con un sogno da realizzare», ma con la voglia di amare come la misteriosa protagonista del video, musa contemporanea che si muove tra le mura di una città senza tempo.

E per le strade del Mandrione, tra rovine antiche e recenti murales, si narra questa semplice «storia su un milione», quella di Anonima che cammina, si cerca e si perde:

 

Basta silenzi,

lo so che vuoi urlare,

balli sui muretti e vuoi saltare

 

Fabio Bisceglie aveva già ottenuto importanti riconoscimenti con il primo singolo Sensazione, vincitore del “Museum Social Club”, contest dedicato a giovani artisti emergenti, che gli ha permesso di far conoscere le sue composizioni all’interno dei Musei in Comune e altri spazi culturali della Capitale nell’ambito della rassegna Nel weekend l’arte si anima.

Scrittura, pittura, recitazione e musica: queste sono le tue passioni. Hai deciso di portarle avanti insieme. Quanta fatica costa questo tuo bisogno personale di non scegliere tra la professione dell’attore e quella del cantautore?

Una faticosa libertà. Quando ti ritrovi ad esprimere quello che sei e lo fai principalmente per un'esigenza che nasce da te stesso, c’è la bellezza di scegliere di non scegliere. Il bello dell’arte è che tutte le sue forme sono complementari e mi permettono di sentirmi vivo. Recitando, scrivendo, cantando, e dipingendo, rappresento quello che sono e quello che vorrei essere. Quasi sempre sento di essere me stesso particolarmente quando recito o realizzo questi progetti, meno che vivendo la mia stessa vita. Mi piace esprimere tutto ciò che sento attraverso tutto ciò che mi fa stare bene. Anonima mi caratterizza molto perché creata e ideata completamente da me: musica, testo, regia, riprese, montaggio, produzione e promozione. Vuole essere un pacchetto completo di una parte di me. Non voglio dimostrare nulla se non solo esprimere quello che sento utilizzando i mezzi e le capacità che mi appartengono. Sono contento se qualcosa di mio riesce ad emozionare anche gli altri. Per quanto riguarda la recitazione, amo tantissimo il cinema e mi sto formando per questo, non potrei mai mettere da parte questo sogno che ho da bambino. Ho lottato e sto lottando per raggiungere i miei obiettivi, qui c’è fatica! Qualsiasi cosa faccia metto tutto me stesso e cerco sempre di far uscire emozioni, sentimenti e soprattutto l’anima: sono quello che faccio.

È da pochi giorni uscito il singolo Anonima. Progetti per il futuro?

Porterò Anonima assieme agli altri miei pezzi in giro per locali ed eventi, per chi avrà il piacere di ospitarmi e ascoltarmi. Nel frattempo sto lavorando al mio primo album ufficiale che bolle da troppi anni. Invece a breve sarò in tv tra i protagonisti di una nuova docuficion e sto girando alcuni progetti cinematografici indipendenti. Continuo a formarmi in accademia di recitazione e sicuramente sarò con loro in scena quest’estate. Nel poco tempo libero sto organizzando una mostra e scrivendo un mio spettacolo teatrale.

Aspettando la realizzazione dei prossimi progetti, non resta che perdersi nelle immagini, parole e sensazioni di questo video, “anonimi” anche noi tra le meraviglie di Roma Est, a caccia di una «rosa», di un sogno.

 

 

ARTICOLI CORRELATI

avatar

Storico dell’arte, archivista e curatore. 

Per contattarla direttamente, scrivile 

a: simonapandolfi@romaitalialab.it

Cresciuta in una tranquilla città di mare, ho sempre mirato lo sguardo verso orizzonti indefiniti. Poi è arrivata la frenetica e caotica Roma e qui adoro perdermi tra i vicoli e le storie di quartiere. Non riesco a stare ferma, ho bisogno di fare più cose contemporaneamente, sempre credendoci! Sognatrice e idealista, amo mixare le mie passioni: arte, fotografia, poesia, cinema e teatro... altrimenti mi annoio. 

Come un cannibale di notte divoro libri e serie tv, oppure scrivo tutto quello che mi passa per la testa e che non farò mai leggere a nessuno. Raccolgo oggetti trovati per strada, sono sempre alla ricerca di nuovi amuleti.   

Roma Italia lab srl

Autorizzazione Tribunale di Roma n.60 del 23 marzo 2017

Sede legale: Via Festo Avieno 59, 00136

Sede operativa: Viale Castro Pretorio 25, 00185

Tel. 06 85352463

P.I. e C.F. 11448611001

Direttore Responsabile: Caterina Grignani

Redazione: Simona Pandolfi & Allegra Mondello

newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione