Un nido di memorie

«Un nido di memorie in fondo a l’anima cantava un giorno»

[ph] by Mariana Fossati


«Un nido di memorie in fondo a l’anima cantava un giorno»
  Ruggero Leoncavallo ne I pagliacci

Il melodramma, un passato che rivive per chi sa ascoltare la sua voce. Un passato che (a volte) ritorna nelle situazioni, nelle ripetizioni, nei sentimenti.

La memoria della prima volta a teatro. La curva dei palchi, la luce che si riflette dal palcoscenico sui volti della gente che guarda e ascolta, attenta, una musica diversa. L’orchestra, poi una voce, tante voci. Gli applausi. 

Le situazioni del melodramma, nel corso dei secoli, si alimentano di memorie. La memoria genera il sentimento ed è spesso la molla dell’azione. Ecco un breve excursus.

Ottavia, l’imperatrice ripudiata da Nerone ne L’incoronazione di Poppea di Claudio Monteverdi (1642) su testo del Busenello:

«Memorie, memorie, e che volete ?
O lasciate i pensieri o m’uccidete»

La Contessa d’Almaviva, trascurata e tradita dal Conte ne Le Nozze di Figaro di Mozart ( 1786) con gli eleganti versi di Lorenzo Da Ponte: 

«Dove sono i bei momenti
di dolcezza e di piacer,
dove andaro i giuramenti
di quel labbro menzogner?
Perché mai se in pianti e in pene
per me tutto si cangiò,
la memoria di quel bene
dal mio sen non trapassò?»

La tenera Amina che si ritiene a torto tradita dal suo rustico innamorato ne La Sonnambula di Vincenzo Bellini (1831), opera romantica per eccellenza in cui la protagonista trova nel sonnambulismo un conforto alla sofferenza d’amore prima del lieto fine (contrariamente ad altre sfortunate consorelle, nate anch’esse dalla penna di Felice Romani – il maggior librettista del tempo – il cui unico sbocco sarà la pazzia e la morte).

«Ah! non credea mirarti
Sì presto estinto, o fiore;
Passasti al par d’amore,
Che un giorno solo
Che un giorno sol durò»

Il baritono protagonista del verdiano Ballo in maschera (1859) canta:

«O dolcezze perdute! o memorie,                                                                                                                       
d’un amplesso che l’essere india!»

colpito dall’aver sorpreso la moglie e il suo migliore amico in apparente adulterio, rimpiange l’amplesso coniugale che «indìa», avvicina l’uomo a un dio, secondo l’aulico ma efficace testo di Antonio Somma.

Non manca poi la memoria della mamma e della casa per riempire di coraggio il cuore di Don Josè, il soldato protagonista maschile della Carmen di Georges Bizet (1875) per poter reagire (invano…) alle seduzioni della maliarda gitana. Così Meilhac e Halevy rendono in versi l’asciutto testo del racconto di Prosper Mèrimée:

«Ma mère, je la vois! Je revois mon village!                                                                                                              
O souvenirs d’autrefois,
doux souvenirs du pays!…                                                                                  
Vous remplissez mon coeur  de force et de courage!                                                                                     
O souvenirs chéris!»                                              

Otello di Giuseppe Verdi ( 1887), chiude epicamente un periodo musicale sui versi di Arrigo Boito: 

«Ora e per sempre addio, sante memorie,                                                                                                          
addio, sublimi incanti del pensier!»

E apre le porte a un nuovo mondo in cui si afferma un gusto borghese a volte provinciale e a volte cosmopolita in cui la memoria, anzi, «un nido di memorie», aprirà la strada al verismo e cederà via via il passo alla nostalgia.

Trascorso quasi un secolo Andrew Lloyd Webber nel musical Cats (1981), degno seguito della migliore stagione del melodramma, affida i bei versi di Thomas Stearns Eliot a una vecchia gatta decaduta che nella forza della memoria troverà il riscatto e una rinnovata felicità:

«Memory
All alone in the moonlight
I can smile at the old days
I was beautiful then
I remember the time I knew what happiness was
Let the memory live again»

La storia continua!

© Riproduzione riservata