M. Medensky: Nella Rete

Nella rete 

un pianoforte 

un'isola deserta 

un pompelmo rosa 

le gambe 

una palla 

i pesci che siamo diventati 

con quegli occhi intrappolati 

svaligiati della realtà 

sguardi 

che nuotano nel vuoto 

lasciando indietro  

il respiro prima di un rigore 

una punta rotta di una matita  

la voce ambigua di un messaggio notturno 

il tonfo dal trapezio dell’ambizione  

un tonno 

una luna attaccata alle pareti dell’estate 

un padre che manca 

un suono 

tutti i fotoni che non so cosa sono  

le stelle cadute insieme ai loro desideri dimenticati 

il passato nel cappotto 

la faccia di mio figlio la prima volta che la vedrò 

i granelli di ferro separati da quelli di vetro 

che poi scivolano 

e cadono 

e tornano 

sabbia sotto i piedi della nostalgia 

nella rete

il silenzio si traveste da rumore 

foto 

parole 

e dopo la notte 

ti svegli di nuovo  

ubriaco di nulla 

nella rete 

le mani dimenticano le conchiglie 

M. Medensky 

ARTICOLI CORRELATI

avatar

La redazione di Roma Italia Lab si trova in viale Castro Pretorio 25, è ufficialmente aperta tutti i giorni dal lunedì al venerdì, dalle 9.00 alle 17.00, ufficiosamente h24. Per qualsiasi informazione, comunicati, richieste di collaborazione, scriveteci all'indirizzo: redazione@romaitalialab.it.

Se volete restare in contatto con noi, iscrivetevi alla newsletter.

Roma Italia lab srl

Autorizzazione Tribunale di Roma n.60 del 23 marzo 2017

Sede legale: Via Festo Avieno 59, 00136

Sede operativa: Viale Castro Pretorio 25, 00185

Tel. 06 85352463

P.I. e C.F. 11448611001

Direttore Responsabile: Caterina Grignani

Redazione: Simona Pandolfi & Allegra Mondello

newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione