Caro Giuseppe, io disillusa che voglio però l'amore

Arianna racconta la sua «carriera amorosa», tra diversi segni e storie, non trova l'amore con la A maiuscola che va cercando. Ma Giuseppe stuzzica chiedendole: vuoi davvero tutta questa stabilità? O ami, in fondo, la giostra dell'amore?

Caro Giuseppe, 

sono una Gemelli ascendente Pesci (sempre che il mio orario di nascita sia quello che più o meno si ricorda mia madre).

Ho 31 anni, ottimi risultati scolastici ed accademici, un lavoro solido, affronto con praticità (e di solito riesco) in ogni aspetto della vita ma la mia carriera amorosa é costellata di grandi idealizzazioni e di uomini che mi hanno lasciato. Alle spalle ho un paio di storie serie tra cui una convivenza con un Acquario naufragata repentinamente, senza che ne avessi minimamente il sentore, 3 anni fa. Da allora ho avuto un rapido ritorno di fiamma con un ex problematico Ariete a cui facevo da crocerossina e nuove storie non decollate con un Gemelli e con un Vergine (che mi ha davvero preso in giro). 

Nonostante le passate esperienze, mi fido del prossimo, vorrei l'amore, mi butto a capofitto e ci credo ogni volta,  immagino la mia vita completa solo con un compagno e dei figli. A gennaio ho conosciuto - tramite una app - un Capricorno che vive all'estero. L'intesa (scritta e via skype) é stata subito forte, tanto da spingermi a prendere un volo per andare a conoscere questo sconosciuto per un week end. 

È stato un vero colpo di fulmine, come non mi era mai capitato; ho avuto l'impressione di aver trovato finalmente qualcuno che fosse veramente affine a me, ci dicevamo che anche senza conoscerci c'eravamo capiti, esperienze, riferimenti e sensibilità comuni. Al mio ritorno abbiamo continuato a sentirci e a programmare un viaggio in un Paese un po' estremo, era una pazzia che ci univa. Sono stati per me un paio di mesi di gioia pura, di speranza di futuro, pur nella consapevolezza che ancora dovevamo conoscerci.

Con leggerezza, abbiamo preso ferie, progettato itinerari e guardato voli. Poi d'un tratto lui - primo motore di questo slancio- ha iniziato ad avanzare dubbi sul viaggio, dicendo che avrebbe potuto essere troppo e non andare come ci saremmo aspettati; si é definito geloso dei suoi spazi e ha avanzato il dubbio che io fossi più presa di lui, preoccupandosi di future eventuali - mie - sofferenze. 

Il Capricorno dubbioso prima di comprare i voli ha deciso che avrebbe voluto rivedermi; di lì a poco sarebbe comunque dovuto essere a Roma per discutere una tesi di laurea e mi ha proposto quindi di venire da me qualche giorno prima per passare del tempo insieme e valutare il da farsi. All'arrivo all'aeroporto ci sono stati grandi slanci e poi in maniera un po' vaga mi ha detto che questo slancio per il viaggio non c'era più e che in generale si trattava di un periodo con poco entusiasmo anche in ragione dell'insoddisfazione lavorativa e della voglia di cambiare di città.

L'indomani se ne é andato dai suoi con la scusa di dover studiare, baciandomi e dicendomi che ci saremmo rivisti nei giorni a seguire ma alla fine tra una scusa e l'altra é partito senza salutare. Solo telefonicamente, da me incalzato, si é scusato ed ha negato ogni sviluppo futuro, dicendo che entrambi meritiamo una storia e che lui, conoscendosi bene, aveva capito che la cosa non ci avrebbe portato da nessuna parte e che non sentiva un'affinità elettiva tale da costruire, sebbene io gli piacessi molto.

Sono incredula e disillusa e, nonostante ciò, ancora irrazionalmente fiduciosa che quello che abbiamo sentito era reale e che le cose possano cambiare.

Quest'ultima storia mi ha portato a chiedermi se io scelga sempre un tipo simile di uomo, narciso, accentratore ed inaffidabile, affidandogli però tutta me stessa, innamorata non solo di loro ma dell'idea dell'amore.

Che consigli hai per questa Gemelli momentaneamente disillusa che però ci vuole credere?

Grazie davvero

Arianna

 

 

Che consigli ho per questa Gemellina/Pesci? Dovresti metterci meno parole e meno sentimenti. Non te la prendere, lo sai, il tono di questo tiro al segno non è mai buonista. E questo per un permaloso ascendente Pesci può essere traumatico. Ma non ci metti forse troppa enfasi? Certo ognuno di noi ha la sua natura e deve rimaner se stesso, tuttavia mi pare di essere dinanzi ad una sorta di scialorrea emotiva. E meno male che sei disillusa, altrimenti che faresti?!

Tra acqua ed aria

Ma non poteva essere altrimenti, l'Astrologia non perdona: le parole dei Gemelli e le emozioni dei Pesci. Così ci racconti tanto, sciorinando un astrologico curriculum sentimentale che più non poteva esprimere le tue caratteristiche Aria/Acqua. Il campionario è da manuale: dal problematico Ariete, alla convivenza con l'Acquario, dal feeling 2.0, all' immancabile Mercurio con Vergine e Gemelli. Ma andiamo punto per punto, così da detestarmi meglio. L'attrazione Ariete/Gemelli è tipica, i due ragazzini dello Zodiaco, e tu l'hai scelto "problematico" cosicché la componente Pesci abbia potuto trovare gaudio nella vocazione crocerossina. L'Acquario poi è un segno d'Aria, vi capite; la scintilla sarà scattata in nome di letture varie, cinema e libertà, e con libertà se n'è andato; riguardo la mancanza di preavviso, non prendertela, è tipica del segno; come d'altronde è tipico sia dei Gemelli che dei Pesci evitare di cogliere i più lampanti segnali di rottura: per il Gemelli approfondire è stressante, per il Pesci l'Amore è un 'idea, mica un fatto. Quanto mi odi? Riservane ancora qualche oncia. Riguardo il Capricorno via web, ah lo vorrei conoscere! Chissà che ascendente ha, forse anche lui Acquario, per via degli amori internazionali. L'aereo però l'hai preso tu, mica lui. Il Capricorno come sempre non s'è mosso. E quando s'è mosso, poco è durato e ciao. Quindi la Vergine e pure i Gemelli, anche qui un classico per una gemellina: Mercurio chiama Mercurio. Con i primi scatta il gioco del "simili ma opposti", con gli altri vige la regola del vecchio proverbio nuddu si pigghia, s'un s'assumigghia. Tuttavia la Vergine scappa dinanzi moti amorosi veicolati dalla, diciamo fertile, chiacchiera; mentre con i Gemelli, dovresti saperlo, va bene finché si vola leggeri, poi si vola via e basta. In un certo senso non fai questo anche tu? Non mi odi ancora abbastanza. Mi domando come mai manca all'appello un Leone e uno Scorpione. Arriveranno, ne sono certo. 

Tutto, in nome dell'amore

Ma qui il punto è uno e tenero non sarò (prepara sali, alcolici, fumo, cioccolato, psicofarmaci e tutto ciò che rassicura i Pesci): tu vuoi una storia o la telecronaca degli sbalzi umorali di una fiction? Così li fai scappare tutti! Oppure finirai in nome dell'amore con qualche soggetto irrisolto affetto da incontinenza emotiva, che non augurerei nemmeno alla mia peggior nemica. «Immagino la mia vita completa solo con un compagno e dei figli». Desiderio più che legittimo ma come molti Pesci immagini troppo. E come altrettanti Gemelli parli tanto. Se ti vengono dei figli Scorpione scappano di casa a nove anni! Non ti offendere, ma di concreto nella tua mail leggo poco. Forse perché Gemelli e Pesci spesso in amore i fatti, nei fatti, non li vogliono. Perché? Ma come perché? Perché così il ballo prosegue. Fra gioia e lacrime, incanti e delusioni, la giostra dell'amore continua a girare. Per poi infrangersi in cocenti delusioni, piangere, piangere tanto, ma crederci, crederci sempre! Perché se i Gemelli adorano volteggiare, i Pesci credono nell'amore come nessuno. Innamorati dell'idea dell'amore, d'amore s'intossicano, intossicando gli altri. Ma anche questa lievissima dipendenza pesciolina dal "sentimento" è un'arte raffinata di far fumo attorno sé (Tifeo è il mito correlato al segno dei Pesci) affinché tutto resti astratto, imperscrutabile e di conseguenza libero. La stabilità per il relativismo dei Pesci può risultare noiosa. Scommetto che fra gli amori di cui hai scritto ti sarà sfuggito (casualmente) quello platonico e mitizzato, magri un compagno di scuola o un amico d'infanzia che nella tua mente incarna l'ideale evanescente. Scendiamo sulla terra. Lo sai che Gemelli/Pesci è il profilo base di una persona poligama? E che si tratta di due segni stradoppi a cui la singola unità non basta? Sei sicura di volere un solo amore? No perché qui, lo sai, siamo di ampie vedute. Con eleganza però. Mi viene in mente a tal proposito quel magnifico film Amori miei interpretato dall'immensa Monica Vitti. Riveditelo... 

Non so se mi leggerai più, spero di sì. Magari la mia freccetta è una sciocchezza, dissolta nell'acqua e già evaporata. Non evapora la mia gratitudine però, verso te e verso tutti coloro che qui scrivono, ognuno a suo modo, ma sempre in tono schietto e diretto. Privo del volgare esibizionismo di questi tempi. L'ho proposto qualche settimana fa: vi posso scrivere io?!   

 

ARTICOLI CORRELATI

avatar

Nasce a Palermo nel 1976 dove si laurea in Lettere. 

Attore e autore sia televisivo (Zelig, Zelig Off, Stiamo tutti bene, Tintoria, Maurizio Costanzo Show, ed altri programmiche teatrale. Fra le commedie più fortunate: La famiglia Lo Cicero, Un problema alla volta, Serata omicidio, The Wedding planner.

 Autore del libro Io Vergine, tu Pesci? edito nel 2016 da Salani Editore

Roma Italia lab srl

Autorizzazione Tribunale di Roma n.60 del 23 marzo 2017

Sede legale: Via Festo Avieno 59, 00136

Sede operativa: Viale Castro Pretorio 25, 00185

Tel. 06 85352463

P.I. e C.F. 11448611001

Direttore Responsabile: Caterina Grignani

Redazione: Simona Pandolfi & Allegra Mondello

newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione