16/08/2022

Rondelle: piccoli dischi dalle mille qualità

Rondelle: piccoli dischi dalle mille qualità

Le rondelle sono dei semplici dischetti metallici forati, che si utilizzano quali componenti di fissaggio insieme a viti o bulloni. La semplicità estrema della rondella non deve trarre in inganno, questi piccoli elementi risultano infatti molto utili in diversi casi e spesso addirittura necessari.

Come si usano le rondelle

Una rondella è un anello piatto, in metallo o in plastica. Vi sono rondelle disponibili in diversi materiali in quanto ad ogni scopo corrisponde un dischetto con particolari peculiarità. Le rondelle in gomma o in plastica si utilizzano per un maggiore fissaggio di viti e bulloni su superfici morbide, ruvide, non trattate o rifinite; consentono inoltre di serrare efficacemente la vite senza andare a rovinare il materiale su cui poggia la rondella. Si possono sfruttare anche come veri e propri distanziali, creando una certa distanza fra la testa della vite e l’oggetto cui è fissata, anche in questo caso spesso si sfrutta la gomma o la plastica e le rondelle sono disponibili di vari spessori. Le rondelle metalliche possono essere lisce, piane o anche zigrinate; esistono in commercio anche rondelle a forma di toroide o similare, che solitamente sono chiamate rosette. Si preferiscono rondelle in metallo come supporto per la testa della vite, o anche per rendere più salda la chiusura, o ancora per evitare che la vite possa essere manomessa o subisca eccessive sollecitazioni.

Scegliere le rondelle

A seconda dello scopo per cui si utilizza una rondella è bene sceglierne del modello e del materiale più adatto. Chiaramente su materiali differenti si sfruttano rondelle assai diverse tra loro, esistono infatti rondelle adatte ad essere utilizzate sul legno, altre più adatte all’uso su plastica o metalli o ancora su superfici delicate. La variabilità delle rondelle, come abbiamo già accennato, riguarda anche il materiale di cui sono fatte. Le rondelle metalliche sono disponibili in acciaio inossidabile, in acciaio zincato o anche in ottone. Queste ultime si sfruttano laddove la rondella debba essere usata su viti che saranno esposte alle intemperie. Ricordiamo che volendo è possibile utilizzare più di una rondella, per rendere più salda la chiusura o per aumentare la distanza tra la testa della vite e la superficie su cui la si deve serrare.

Come si usano le rondelle

Visto che una rondella funge da elemento di separazione o di protezione di una superficie, essa andrà chiaramente a contatto con la superficie stessa. Nel caso in cui la rondella sia necessaria per distribuire al meglio il bloccaggio sulla superficie la si utilizzerà di spessore e dimensione molto maggiore rispetto a quello della testa della vite. In questi casi si utilizza una rondella anche tra il bullone e la superficie su cui è avvitato. A maggior ragione se si tratta di una rondella zigrinata, che permette di migliorare il serraggio del dado e della vite del bullone. La zigrinatura deve fare presa sul fusto della vite o anche sulla superficie su cui si posiziona il bullone. Quando si utilizzano rondelle in materiale plastico è bene serrare le viti evitando di deformare eccessivamente le rondelle stesse, che altrimenti potrebbero rapidamente andare incontro a rottura.

Acquistare le rondelle

I professionisti che utilizzano le rondelle durante la loro attività quotidiana tendono a sfruttarne in grande quantità. Se si considera che solitamente si posiziona una o due rondelle per ogni vite o bullone, è chiaro che per fissare un infisso alla parete di una stanza o per bloccare un macchinario in posizione serviranno decine di rondelle. Per questo motivo chi offre questo tipo di prodotti di qualità professionale li propone in confezioni multiple, contenenti in genere dalle 500 alle 1.000 rondelle. Anche perché il materiale di cui sono fatte ne permette l’uso per vari mesi senza temere che si deteriorino.