[ph] Andrea Tiozzo

Terra senza pioggia

In un'estate torrida e con precipitazioni assenti l'uomo sembra essersi ricordato il valore dell'acqua. Il liquido della vita è alla base dell'agricoltura, ci sembra di poter avere acqua dolce per sempre ma non è così. Parola di agronomo

In molte zone d’Italia non piove da 8-9 mesi, abbiamo avuto un inverno particolarmente secco, freddo, con delle nevicate eccezionali sull’appennino, e delle gelate primaverili che hanno falcidiato le coltivazioni di cereali, e fatto danni ai frutteti. Una situazione simile nel passato avrebbe creato carestie e causato forse rivolte popolari ma la nostra vita moderna sembra scorrere quasi come se nulla fosse. Nonostante il timore di un razionamento a Roma che poi è stato evitato. I «nasoni», le fontane pubbliche che caratterizzano le strade della capitale, sono in parte chiusi e - precauzione presa da qualche giorno - la pressione dell'acqua nelle ore notturne è stata diminuita. 

Ma non esiste solo l'uomo. Le piante per vivere hanno bisogno di acqua necessaria come veicolo di nutrienti dal suolo, come sistema di termoregolazione, e soprattutto per la fotosintesi clorofilliana; infatti, a partire dalla luce solare, dall’acqua e dall’anidride carbonica le piante sintetizzano gli zuccheri che diventeranno i “mattoni” con cui la pianta vive e cresce, per produrre un grammo di sostanza secca. Le piante assorbono dal terreno e traspirano nell’atmosfera dai 300 ai 500 grammi di acqua.

L'uomo ha interesse che le piante abbiano acqua quanto necessario e nel nostro paese possiamo contare su abbondanti precipitazioni in inverno, quando il consumo di acqua da parte delle colture agricole è minimo, e scarse precipitazioni in estate, quando invece il consumo d’acqua è massimo. Colture invernali come il grano non sono irrigue e spesso vengono fatte in zone dove l’irrigazione neanche è possibile, per questo la grave siccità di quest’anno, che vede molte zone prive del tutto o quasi di precipitazioni dallo scorso inverno, ha falcidiato i raccolti di cereali e foraggi invernali, colture che naturalmente ricevono acqua piovana in abbondanza.

L’uomo da quando è dedito all’agricoltura ha sempre cercato di mitigare i capricci del clima; l’irrigazione è nata in Mesopotamia, definita appunto «la culla dell’agricoltura», dove l'acqua, attraverso un ingegnoso sistema di canali e di chiuse dei fiumi Tigri ed Eufrate, veniva convogliata nei campi quando necessario. L’uomo aveva dunque scoperto come avere la pioggia a comando.

Questo sistema, se pur molto efficace, in certe zone aveva bisogno di una fonte d’acqua vicina, soprattutto a una quota maggiore rispetto all’appezzamento da irrigare. Tali sistemi irrigui, anche se perfezionati negli anni, sostanzialmente sono rimasti invariati fino a pochi decenni fa e relegati a poche aree agricole vocate per condizioni geomorfologiche del suolo e presenza di corsi d’acqua vicini.

La vera rivoluzione irrigua si ebbe solo nel dopoguerra quando vennero realizzati grandi invasi artificiali e si diffusero sistemi di pompaggio meccanizzato, irrigatori meccanici, pozzi e tubazioni in materiale plastico. L’irrigazione nel giro di pochi decenni conobbe una diffusione mai vista nella storia, contribuendo ad aumentare le rese ad ettaro ma soprattutto a mantenerle per quanto possibile stabili.

Attualmente l’agricoltura impiega il 70% delle risorse idriche sfruttate dall’uomo, le moderne tecniche irrigue per quanto affinate hanno comunque bisogno di attingere acqua da qualche fonte che sia un lago, un fiume o dalle falde sotterranee; l’acqua dolce non si crea dal nulla e proprio la siccità di quest’anno che ha quasi azzerato le piogge e le precipitazioni nevose invernali, che ricaricano le falde, riempiono i laghi e ricostituiscono i ghiacciai, riducendo così anche le fonti idriche necessarie per l’irrigazione.

A fronte di queste condizioni climatiche, purtroppo sempre più frequenti, è necessario che vengano prese delle misure adeguate per limitare il consumo di acqua irrigua, o meglio per aumentare l’efficienza di utilizzazione da parte delle colture, e per quanto possibile investire in nuovi invasi in grado di raccogliere l’acqua quando disponibile.

ARTICOLI CORRELATI

Roma è la capitale dell'impresa femminile

Edizioni Haiku, uno spazio libero per autori emergenti

Il viaggio nel futuro di Pigneto Città Aperta

Remo Remotti, un antieroe di strada al Macro

Murales in centro, ironia tra santi e "diavoli"

Car sharing, l'altra faccia della mobilità romana

Urban Experience, l'anti guida di Roma

Il linguaggio universale delle danze di Piazza Vittorio

Pina Bausch. In un film il suo amore per Roma

L'opera a Caracalla: tradizione e innovazione

Rossy e Iasmina, storia di un grande raccordo umano 

avatar

Classe '86, molto loquace e perennemente affamato. 

Laureato in Agraria all'Univeristà degli Studi della Tuscia con specializzazione in politiche economiche e territoriali agricole, lavora come Dottore Agronomo libero professionista e nell'azienda agricola di famiglia. 

Appassionato di recitazione, orticultura, ciclismo, nuoto, automobili e un sacco di altre belle cose...

Roma Italia lab srl

Autorizzazione Tribunale di Roma n.60 del 23 marzo 2017

Sede legale: Via Festo Avieno 59, 00136

Sede operativa: Viale Castro Pretorio 25, 00185

Tel. 06 85352463

P.I. e C.F. 11448611001

Direttore Responsabile: Caterina Grignani

Redazione: Simona Pandolfi & Allegra Mondello

newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione